Voltiamo pagina, le letture del 2020


Che anno terribile. Cosa mi ha fatto compagnia? Tantissima poesia.

  1. Perché morte non ci separi di B. Radice
    Un libro della vedova di Ettore Sottsass.
  2. Nulla di ordinario su Wislawa Szymborska di M. Rusinek
  3. Il pugile di Reinhard Kleist
  4. Le tre fughe di Hannah Arendt. La tirannia della verità di K. Krimstein
  5. The beat goes on di F. Pivano
  6. Zazie nel metrò di Raymond Queneau
  7. Paradiso perduto di H. Miller
  8. Animali che si drogano di G. Samorini
  9. Jules e Jim di Henri-Pierre Roché
  10. Io so di Pier Paolo Pasolini
  11. Quando non morivo di Mariangela Gualtieri
  12. Per qualcuno può essere lo spazio di Ettore Sottasass
  13. Bluesman di Giò Alaimo
  14. Con passi giapponesi di Patrizia Cavalli
  15. A proposito di niente di Woody Allen
  16. Pezzi da museo di A.A.V.V.
  17. Una volta di Wim Wenders
  18. L’amico infinito di Claude Nori
  19. Atlante leggendario delle strade d’Islanda di Jón R. Hjálmarsson, Johann Hjalmarsson
  20. Attraversare i muri di M. Abramovic
  21. Breve storia delle macchie sui muri di A. Tura
  22. D’amore si muore ma io no di G. Catalano
  23. Cambiare l’acqua ai fiori di V. Perrin
  24. Ieri di Agota Kristof
  25. Il gioco interiore del tennis di W. Timothy Gallwey
  26. Poesie erotiche di P. Valduga
  27. Cadrò, sognando di volare di F. Genovesi
  28. Trentacinque secondi ancora di Lorenzo Iervolino
  29. Vertigine della lista di Umberto Eco
  30. Svuota il carrello. Il marketing spiegato benissimo di Gianluca Diegoli
  31. Vita meravigliosa di Patrizia Cavallo
  32. Racconti dell’età del jazz di F.S. Fitzgerald
  33. Pian della tortilla di J. Steinbeck